In azienda dopo il Covid-19. Il tempo della riorganizzazione
14 Luglio 2020
clock image3 minuti

In azienda dopo il Covid-19. Il tempo della riorganizzazione

I risultati della survey Ayno su 1.000 aziende italiane

Da una ricerca CGIL è emerso come ci sia profonda consapevolezza del “da qui non si torna indietro”, in termini di spazi, strumenti e luoghi di lavoro.
La fase che stiamo vivendo in questo momento è stata definita come “blended”; passata quella di home working forzato durante il lockdown, ci troviamo adesso in una fase ibrida, tra presenza e distanza, un blended working, dove strumenti evoluti di collaborazione multi point e il meglio del digitale e del fisico si devono mescolare in un connubio produttivo. Con la ripresa delle occasioni di prossimità fisica saranno ripensati sia gli spazi che le attività per creare maggiore valore aggiunto.

Quanta consapevolezza c’è oggi nelle aziende e come ci si sta muovendo per interpretare al meglio un cambiamento necessario? Lo abbiamo chiesto ad un bacino di 1.000 aziende.

Sicuramente un passo avanti è stato fatto, si è presa coscienza della necessità di fornire ai dipendenti strumentazione adeguata anche per lavorare da remoto con la stessa qualità del lavoro in ufficio.
Il 60% dei nostri intervistati tra gli IT manager ritiene infatti prioritario fornire dotazioni tecnologiche aziendali a tutti i dipendenti, il primo step è infatti abilitare tutti a lavorare in videoconferenza dal personal computer, là dove non è stato fatto per impreparazione o disorganizzazione dovuta all’emergenza. Lavorare da casa non dovrà essere penalizzante ma videocamere HD, cuffie con noise cancelling e monitor dovranno garantire il comfort e una tutela della tranquillità dello spazio di lavoro anche in ambiente domestico.

Chi ha risposto alla nostra survey sta lavorando ancora da casa e così per la maggior parte i dipendenti della sua azienda ma sta pensando a come gestire il rientro. Il secondo passaggio necessario è infatti riorganizzare gli spazi in sicurezza, il rientro graduale in azienda porta con sé una riflessione sul distanziamento, la necessità di alternare la presenza in ufficio può essere ad esempio gestita con strumenti di prenotazione scrivanie o sale meeting per evitare sovrapposizioni, affollamenti.

Il 92% degli intervistati crede che l’esperienza vissuta porterà all’interno delle aziende cambiamenti e rinnovamenti tecnologici.

ndietro non si torna, non si può più pensare al posto di lavoro come ad un luogo statico, come spesso succedeva pre-emergenza in realtà medio-piccole.

Tre le parole chiave: flessibilità, apertura e connessione, gli strumenti per comunicare guardandosi negli occhi e con audio perfetto grazie alla videoconferenza dovranno essere disponibili a tutti, a tutti livelli. Una tecnologia che si apre, diventa più democratica ed accessibile anche in termini di costi è una tecnologica anche più intuitiva e adottabile in tempi brevi, è una tecnologia pronta all’uso e questo presente è il momento storico per adottarla.

Previous post
Videoconferenza: perché non potremo più farne a meno
Next post
Arriva Logitech SwYtch

Related posts

Ayno è Neat official reseller partner
3 Settembre 2020
clock image2 minuti

Ayno è Neat official reseller partner

Ayno sceglie la perizia tecnica e la raffinatezza estetica nordeuropea stringendo una partnership con l’azienda norvegese Neat.Dalla sua base di Osl...
Continua
Arriva Logitech SwYtch
27 Agosto 2020
clock image2 minuti

Arriva Logitech SwYtch

Logitech lancia SwYtch, il suo nuovo accessorio che permette di connettere un laptop al sistema audio/video di una sala per utilizzarlo in qualsiasi v...
Continua
Videoconferenza: perché non potremo più farne a meno
8 Giugno 2020
clock image4 minuti

Videoconferenza: perché non potremo più far...

Gli effetti positivi legati all’organizzazione aziendale e al benessere dei dipendenti La videoconferenza è stata molto chiacchierata in questo per...
Continua

Contattaci

  • Ai sensi del Reg. Europeo 679/2016, dichiaro di aver preso conoscenza della PRIVACY POLICY di Ayno Videoconferenze Srl per il trattamento dei miei dati personali. Pertanto, per consenso e presa visione.